L’abbinamento Cibo-Vino di Pasquale #8
565
post-template-default,single,single-post,postid-565,single-format-standard,bridge-core-1.0.4,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-18.0.9,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

L’abbinamento Cibo-Vino di Pasquale #8

Questa settimana vi portiamo alla scoperta dei fiori all’occhiello dell’Emilia-Romagna, tra cantine e pasta fresca capaci di sorprendervi…

Nel piatto facciamo spazio a quelli che sono tra i maggiori protagonisti della tradizione culinaria ferrarese: i cappelletti.
La nostra rivisitazione li vede finiti in padella, quasi fritti, per donargli una nota lievemente croccante, inedita per un piatto simile. Aggiunta di profumatissimo tartufo, e tanti piccoli dettagli tutti da scoprire al palato.

Seguendo uno dei tradizionali pilastri dei sommelier, anche questa volta “beviamo dove mangiamo” gustando nel calice un Sangiovese Superiore D.O.C. icona dell’Emilia-Romagna.
L’eleganza e la raffinatezza sono quelle emblema della sua cantina di provenienza: Noelia Ricci.
Grazie alle sue pregiate vigne di Fiumana di Predappio, ci arriva al palato una freschezza immediata, con un retrogusto erbaceo e verde che si sposa perfettamente con i porri e i funghi presenti nel piatto insieme al tartufo e ai cappelletti.

Un connubio di tradizione nel piatto, con un sempreverde ferrarese; e di tradizione in cantina, con un vino frutto di quattro generazioni di passione e dedizione al territorio.

Vai alla HOME